: HMDB - HORROR MOVIE DATABASE  - il Primo Database Italiano di Film Horror :
Seleziona un criterio di ricerca..

1921 - Il Mistero di Rookford
Regia: N. Murphy- Nazione:GB - Anno: 2011- Autore: Roberto Giacomelli

1921, Inghilterra. La giornalista investigativa Florence Cathcart si occupa di smascherare montature che riguardano il paranormale e per la sua esperienza sulla materia viene contattata dal direttore del collegio di Rookford, dove gli alunni sono terrorizzati dalla presenza di un fantasma. Florence si reca immediatamente nella magione sperduta nei boschi e comincia a piazzare le sue strumentazioni. Già la prima notte riesce ad intuire chi si nasconde dietro la maschera del presunto fantasma, ma naturalmente la questione non è proprio così semplice da risolvere.

Tornata in auge grazie al moderno cinema spagnolo, la ghost story dalle atmosfere gotiche ha dato buona mostra di se negli ultimi anni. Dal bellissimo “The Others” di Aménabar agli altrettanto suggestivi “La spina del Diavolo” di Del Toro e “The Orphanage” di Bayona, passando per il “Fragile” di Balaguerò e il meno accattivante “Saint Ange” di Laugier, di film sul medesimo filone ne abbiamo visti abbastanza. Ora arriva il britannico “1921 – Il mistero di Rookford” che inevitabilmente appare un po’ un frullato di tutto quello uscito negli ultimi anni, pagando il dazio di essere l’ultimo arrivato.1921 - Il Mistero di Rookford
Le atmosfere cupe e lugubri della scuola Rookford sono magnificamente illuminate dalla fotografia crepuscolare di Eduard Grau (“Buried”) e infatti l’elemento che si lascia ricordare con maggior incisività di questo film è proprio la bella atmosfera che il regista televisivo Nick Murphy (“Roma”; “Primeval”) riesce a creare utilizzando tutti i topoi che il genere richiede. “Il mistero di Rookford” gioca moltissimo con la location e con le ombre, lasciando molto marginali le occasioni di spavento che invece sono elemento essenziale per gran parte dei film simili su citati. A Murphy sembra quasi non interessare la componente prettamente horror che comunque è predominante, puntando in parte sul melodramma e in parte sui postumi bellici con i quali il Paese è costretto a fare i conti. Se la componente più prettamente melodrammatica che predomina nel lungo finale sa di fastidioso già visto e risulta anche molto prevedibile, è l’immersione nell’atmosfera post bellica a risultare il punto di maggiore interesse per il film di Murphy. 1921 - Il Mistero di Rookford
“1921 – Il mistero di Rookford” si svolge in Inghilterra nell’anno che capeggia il titolo italiano, in piena fase ricostruttiva in seguito agli orrori della Grande Guerra. Il Paese è in lutto e piange i propri caduti, scatenando nelle persone un intenso bisogno di “fantasmi”. È proprio su questo bisogno (sopran)naturale che si fonda l’essenza del film e l’aspetto più originale e interessante. “Il mistero di Rookford” si apre con una seduta spiritica che scopriremo subito essere una truffa, pratica diffusa e redditizia proprio in un momento in cui le persone cercavano un contatto con chi li aveva lasciati di recente, in guerra. Fin da qui si istaura subito la base di questo bisogno reciproco tra vivi e morti, poi approfondito nella figura del direttore di Rookford (Dominic West), un reduce di guerra circondato continuamente dai fantasmi dei suoi compagni caduti, e nella figura della scettica protagonista, anch’essa privata dell’amore del suo uomo morto al fronte. Non di meno, l’intero climax finale è immerso in questa dimostrazione di bisogno reciproco, portata alle 1921 - Il Mistero di Rookfordestreme conseguenze, con una Rebecca Hall/Florence Cathcart progressivamente diseducata al suo scetticismo e accompagnata al “risveglio” della sua coscienza (non a caso in originale il film si intitola “The Awakening”, il risveglio, appunto).
Il personaggio di Florence è interessante anche se la sceneggiatura di Nick Murphy e Stephen Volk (“Gothic”, “L’albero del male”) le dona una crescita caratteriale molto basilare e simile a quella di molti altri film. Florence ci viene presentata come una sorta di Dylan Dog con lo scetticismo del Mike Enslin del kinghiano “1408”: prima impegnata a smascherare una falsa medium e poi raggiunta nella sua abitazione da un cliente che vuole assoldarla per un caso di infestazione. Il modo in cui Florence fa la preziosa di fronte alla richiesta del direttore di Rookford la fa apparire davvero una Dylan Dog in gonnella, poi ovviamente il suo scetticismo è messo alla prova fino a una totale conversione di fronte all’evidenza dei fatti. La crescita caratteriale di Florence è dunque scontata anche se funzionale, però rappresenta solo un campanello d’allarme per un senso di déjà-vu e prevedibilità che accompagna purtroppo l’intera pellicola.
Il difetto maggiore di “Il mistero di Rookford” è proprio questo suo apparire troppo assimilabile alla massa, gli manca un segno di riconoscimento che possa distinguerlo e renderlo vivo nella memoria dello spettatore il giorno dopo la visione. Purtroppo accade l’esatto contrario e malgrado la 1921 - Il Mistero di Rookfordbella atmosfera, qualche intuizione interessante (i fantasmi della guerra) e una Rebecca Hall (“The Town”; “Dorian Gray”) bravissima nel ruolo principale, il film si lascia dimenticare con troppa facilità. Non aiuta neanche il ritmo rilassato e parco di momenti di reale tensione, che va ad inficiare sull’attenzione dello spettatore. In questi termini “Il mistero di Rookford” funziona meglio nella prima parte, nella quale si trovano gli unici due momenti di suspense (quello con la casa delle bambole anche discretamente riuscito), poi il film rallenta e si fa noiosetto, fino a un finale poco convincete.
“1921 – Il mistero di Rookford” sicuramente si lascia guardare e non mancherà di essere apprezzato dai fan della ghost story goticheggiate, ma la mancanza di originalità, l’assenza di momenti di spavento e la lentezza che sconfina nella noia, lo rendono dimenticabile e poco coinvolgente.
Aggiungete mezza zucca al voto finale.

Curiosità. “1921 – Il mistero di Rookford” nasce dall’idea di portare al cinema un celebre programma televisivo della BBC, “Ghostwatch”, trasmesso dall’emittente inglese nei primi anni ’90 e poi sospesa perché considerata troppo spaventosa per la tv.

Visiona il trailer di 1921 - IL MISTERO DI ROOKFORD


Votazione:  |  Registrati al forum e commenta la recensione

Tags.............................. 1921, Il mistero di Rookford, The awakening, Rebecca Hall, Dominic West, Nick Murphy, Ghostwatch, scuola infestata, film gotico, fantasmi

 

*Inserisci La Tua e-mail               
*Inserisci la e-mail del destinatario